Scuola dell’infanzia Nerina Sasso, conclusi i lavori all’impianto di riscaldamento

Si è concluso l’intervento di riparazione dell’impianto di riscaldamento della scuola dell’infanzia comunale Nerina Sasso di Bertesinella, inagibile da fine ottobre a causa di un guasto improvviso. Da venerdì 11 febbraio i 47 bambini e il personale, ospitati in questo periodo nella vicina scuola L. Azzalin-Pirazzo di Ospedaletto, potranno quindi fare rientro nella struttura di strada Ca’ Balbi 332.

A dare l’annuncio nel corso di un sopralluogo alla scuola di Bertesinella questa mattina sono stati gli assessori all’istruzione e all’edilizia scolastica Cristina Tolio e ai lavori pubblici Matteo Celebron.

“È stata una corsa contro il tempo: l’impianto di riscaldamento della scuola si è rotto ad inizio inverno – ha spiegato l’assessore all’istruzione e all’edilizia scolastica Cristina Tolio –. In poche settimane abbiamo dovuto stanziare le risorse necessarie e provvedere alla sostituzione dello stesso. Avevamo promesso di concludere l’intervento tra gennaio e febbraio e con grandissima soddisfazione venerdì riapriremo la scuola, restituendo al quartiere questa importante struttura”.

“Appena verificato il guasto, abbiamo recuperato rapidamente 60 mila euro – ha precisato il vicesindaco con delega ai lavori pubblici Matteo Celebron –, una cifra importante ma che era necessario assolutamente stanziare, vista l’attenzione sempre alta per le scuole da parte dell’amministrazione. In coordinamento con l’assessorato all’istruzione abbiamo pianificato i lavori, rispettando pienamente le tempistiche. Nei prossimi mesi provvederemo a sostituire gli infissi con un investimento di 150 mila euro: un intervento doveroso, programmato sempre in sinergia tra assessorato ai lavori pubblici ed istruzione, per dare maggiore decoro alla scuola oltre che un ulteriore contributo al risparmio energetico”.

L’intervento alla Nerina Sasso ha interessato il riscaldamento del piano terra per una spesa complessiva di 144 mila euro, di cui 68 mila finanziati da un contributo statale e 76 mila da un avanzo di amministrazione. I lavori, seguiti dal servizio Manutenzioni, prevenzioni e sicurezza del Comune e affidati alla ditta Refast srls, hanno riguardato l’installazione di nuovi radiatori tubolari nelle aule e nei locali di servizio e di una nuova rete distributiva del riscaldamento a vista, a parete e a soffitto.

Nel corso dell’intervento, i bambini e il personale della Sasso hanno svolto le loro normali attività nei due saloni e dormitori, nella cucina e nella parte di giardino messi a disposizione dalla Azzalin-Pirazzo. Gli ambienti, non utilizzati dai 30 alunni della scuola di Ospedaletto, sono stati in parte tinteggiati da Amcps e sottoposti ad una pulizia straordinaria e alla sanificazione a carico del Comune. L’amministrazione si è occupata anche dell’organizzazione del trasporto, mettendo a disposizione un pulmino per il trasporto dei bambini, andata e ritorno, tra la scuola Sasso alla Azzalin-Pirazzo.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

(Comune di Vicenza)

Please follow and like us