Via alla sanificazione delle aree aperte più frequentate

Errore caricamento immagine.

Via alla sanificazione delle aree aperte più frequentate

la città si prepara alla ripresa

COMUNE DI ROVIGO
Ufficio Stampa: Paola Gasperotto
Tel 0425/206102
e-mail: ufficiostampa@comune.rovigo.it

Via alla sanificazione delle aree aperte più frequentate
la città si prepara alla ripresa

Partita la sanificazione degli spazi aperti. In questi giorni, sia in città che nelle frazioni, una ditta specializzata sta effettuando gli interventi di sanificazione delle aree aperte.  L’iniziativa è realizzata dal Comune in collaborazione con la Provincia di Rovigo. In particolare, come spiega l’assessore all’Ambiente Dina Merlo,  l’intervento coinvolgerà le zone maggiormente frequentate in ambito urbano, come portici, marciapiedi, piazze, accessi ad edifici di uso pubblico. Vengono sottoposti a sanificazione gli arredi urbani, le pensiline, le panchine ad uso pubblico che si trovano nelle aree ove maggiore è la presenza e il contatto diretto dei cittadini.
La sanificazione è stata preceduta da una attività di spazzamento operata da Ecoambiente, che in questo periodo di emergenza Covid ha, comunque, sempre mantenuto una regolare pulizia delle strade e degli ambienti urbani.
“Queste attività – afferma Merlo -, rappresentano l’impegno già operativo del Comune di Rovigo alla fase di preparazione e di organizzazione degli spazi e degli ambienti per essere pronti alla ripresa che potrebbe verificarsi, se le condizioni sanitarie e le autorizzazioni lo dovessero consentire, dopo il 3 maggio seguendo le norme che saranno emanate a livello nazionale.
La pulizia e la sanificazione della città – conclude Merlo -, rappresentano la condizione fondamentale e imprescindibile per renderla nuovamente e piacevolmente fruibile da parte dei cittadini, che potranno ripartire con le attività, riappropriandosi degli spazi, con le precauzioni e le attenzioni che saranno richieste, ma con rinnovata volontà, speranza e attesa di buoni auspici per il prossimo futuro”.

Rovigo, 24/04/20
Comunicato n. 367/20

(Comune di Rovigo)

Please follow and like us