La Giunta approva la realizzazione del nuovo pontile e delle nuove barriere frangionda per lo sbarco delle salme a San Michele

La Giunta comunale, riunitasi oggi in web conference, ha approvato, su proposta dell’assessore alle Infrastrutture e Viabilità Renato Boraso, il progetto definitivo comprensivo di quello di fattibilità tecnica ed economica per i lavori di realizzazione di un pontile fisso con una nuova barriera frangionde fissa necessari per lo sbarco delle salme al cimitero di San Michele in Isola a Venezia.

“Si tratta di un importante intervento dal valore complessivo di 130mila euro che va a risolvere un annoso problema che vede attualmente il cimitero di San Michele privo di un approdo in totale sicurezzaper lo scarico delle salme e adeguato alle necessità – commenta l’assessore Boraso. Proprio per questo si è deciso di intervenire drasticamente eliminando l’attuale pontile galleggiante e il relativo frangionde mobile e creando due nuove strutture che tengano conto delle specifiche esigenze operative e di sicurezza. Gli operatori potranno quindi contare su una situazione che consentirà manovre agevoli di accesso nel pieno rispetto delle normative paesaggistico-architettoniche. Per quanto riguarda la barriera frangionde si estenderà per una lunghezza pari a 27,5 metri e sarà posta a ridosso del pontile Actv. Inoltre, la struttura, essendo fissa, sarà priva di pali cursori permettendo quindi di non avere un ulteriore impatto visivo. Dal punto di vista dei materiali verrà usato il legno, compatibile con l’ecosistema lagunare. In particolare saranno impiegate essenze nazionali di rovere ed essenze esotiche per le parti immerse, che garantiscono durabilità e riduzione delle manutenzioni. Tutti i materiali che rispettano le normative sul rinnovo della materia prima e il rispetto dei cicli vitali delle foreste. Risolviamo un problema che nei decenni ha visto diverse tipologie di interventi, che purtroppo non sono mai riusciti a porre fine definitivamente alle criticità sollevate in diverse occasioni gli addetti ai lavori. Un particolare ringraziamento al sindaco Luigi Brugnaro per la sensibilità dimostrata nel voler risolvere la questione e al consigliere Giovanni Giusto che si è fatto attivo promotore delle istanze dei cittadini”.

“Grazie a questi due interventi concomitanti – commenta il consigliere delegato alle Tradizioni Giovanni Giusto – non solo consentiremo le operazioni di scarico delle salme in piena sicurezza, ma andremo anche a salvaguardare questa parte di San Michele dalla forza delle onde. Una risposta puntuale a tutela della monumentalità del nostro cimitero e un gesto di attenzione verso chi ha il compito di trasportare i defunti al cimitero. Grazie quindi alla Giunta e agli uffici comunali che, nonostante questo momento di difficoltà, hanno ritenuto prioritario questo intervento”.

(Comune di Venezia)

Please follow and like us