COVID: COLDIRETTI, CRACK STALLE VENETE. CROLLO DEI CONSUMI DEL 50% PER LATTE E CARNE. SALVAGNO:”SALVARE IL PATRIMONIO ZOOTECNICO REGIONALE”

COVID: COLDIRETTI, CRACK STALLE VENETE. CROLLO DEI CONSUMI DEL 50% PER LATTE E CARNE. SALVAGNO:”SALVARE IL PATRIMONIO ZOOTECNICO REGIONALE”

COVID: COLDIRETTI, CRACK STALLE VENETE

CROLLO DEI CONSUMI DEL 50% PER  LATTE E CARNE. SALVAGNO:”SALVARE IL PATRIMONIO ZOOTECNICO REGIONALE”

21 gennaio 2021 – Il lock down ha messo in difficoltà l’allevamento veneto mettendo a rischio il patrimonio zootecnico. La chiusura del canale della ristorazione, le fake news e il crollo dei prezzi hanno provocato pesanti ricadute sulle stalle. E’ quanto afferma Daniele Salvagno presidente di Coldiretti Veneto:” Per questo è necessario intervenire subito – commenta Salvagno sottolineando l’intervento immediato a livello nazionale di Ettore Prandini presso il Premier Giuseppe Conte per dare garanzie alle imprese e salvaguardare una filiera strategica e centrale per il sistema agroalimentare. “A soffrire maggiormente è il comparto lattiero caseario, il recente report agroalimentare di Veneto Agricoltura lo evidenzia, la chiusura del canale Horeca con crollo dei consumi fino al 50% e l’azzeramento dei flussi turistici, insieme alla riduzioni dell’export (fino a – 15% per il grana padano) hanno causato situazioni di eccedenza di latte (in primavera) con crollo dei prezzi. Il valore del latte alla produzione diminuisce del -6% fermandosi ad una media annua pari a circa 36,5 euro/100 lt.  Anche il comparto da carne regionale ha subito gli effetti del Covid 19 seppure in maniera diversa a seconda della filiera produttiva. In forte diminuzione le macellazioni di bovini del -15%, soprattutto dei vitelli a carne bianca che hanno un importante sbocco nella ristorazione nonostante il sostegno della domanda domestica (+4,5% in volume).In crisi il comparto suinicolo regionale – spiega Coldiretti – i costi alla produzione si aggirano su 1,40 euro al chilo, mentre i capi sono pagati 30 centesimi in meno e il prezzo sostenuto dal consumatore al supermercato triplica. Un comparto vulnerabile anche per l’ingresso della produzione estera ancora poco regolamentata. Da qui la richiesta di Coldiretti affinchè vengano individuati quanto prima strumenti di sostegno, aiuti diretti alle imprese e ristori concreti attraverso un confronto che dia risposte agli imprenditori agricoli che con le loro attività devono restare sul mercato. Coldiretti e Filiera Italia stanno già lavorando – ha detto Ettore Prandini – su nuovi progetti di investimento per la zootecnica sostenibile che potranno contribuire al grande sforzo di ripresa del Paese attraverso le risorse europee di Next generation EU e il Recovery Plan. L’emergenza di oggi non può attendere l’orizzonte temporale del Recovery.

(Coldiretti Veneto)

Please follow and like us