Maino (ZP): «Palazzo Thiene a Vicenza diventi un museo pubblico e venga restituito ai cittadini e ai turisti»

Venezia, 19 marzo 2021 – «Palazzo Thiene, storica sede di Banca popolare di Vicenza, è uno dei gioielli architettonici di Vicenza. Un piccolo tesoro palladiano, riconosciuto universalmente al punto che dal 1994 è patrimonio dell’Umanità UNESCO e che nel 2016 il MIBACT, con una delibera, ha riconosciuto “l’eccezionale interesse culturale” rivestito da questo palazzo e dalle raccolte pittoriche dei più grandi maestri veneti che custodisce. Eppure attualmente Palazzo Thiene oggi è ancora in vendita a seguito della cessione delle quote sociali di immobiliare Stampa al Fondo Bain Capital. Questo significa che, in breve tempo, potrebbe andare in mano a privati e quindi chiuso ai cittadini. Per questo motivo, insieme ai consiglieri regionali vicentini dei Gruppi Zaia Presidente e Liga Veneta per Salvini premier, ho presentato una mozione per chiedere alla Giunta regionale di attivarsi e fare in modo che Palazzo Thiene diventi un museo a disposizione dei vicentini e di tutta la cittadinanza». Ad annunciarlo è Silvia Maino, consigliere regionale del Gruppo Zaia Presidente.

«Sono anni che questa richiesta viene presentata a più livelli – spiega Maino -. Già nel 2017 se ne è discusso in Parlamento e poi in Consiglio comunale a Vicenza. Nei giorni scorsi l’amministrazione comunale vicentina ha nuovamente sottoposto la questione al Ministero dei Beni Culturali. Ad oggi, inoltre, il MIBACT non ha esteso il vincolo pertinenziale a tutta la collezione, ma solo a una parte. Perdere questo palazzo sarebbe un’ulteriore ferita inferta alla cittadinanza, già colpita pesantemente dal fallimento della Banca Popolare di Vicenza. È fondamentale che tutte le forze politiche si uniscano per proteggere un tesoro così prezioso, patrimonio di tutti noi».

(Lega Nord)

Please follow and like us