Cinzia Tani presenta “Angeli e carnefici”, 9 aprile online per Fondazione Aida

Quanto conta l’infanzia nella storia di una donna che diventa “grande” nel crimine, nell’arte, nell’attività politica o nella scienza? La diversità di educazione, ambiente e incontri condiziona le scelte?

È in questa direzione che si muove Cinzia Tani nel ripercorrere, in Angeli e Carnefici (Rizzoli), le storie di ventidue donne vissute tra Ottocento e Novecento, indagando il modo in cui tutto è cominciato: il tipo di famiglia, il background sociale e culturale, le amicizie, i primi amori. Dettagli poco noti che possono fare una grande differenza nel futuro di una persona e trasformare una donna in un angelo o una carnefice.

Cinzia Tani presenterà Angeli e Carnefici venerdì 9 aprile, storie ad altissima tensione di ventidue donne affascinanti e ambigue, passionali e generose, coraggiose e determinate, ribelli e anticonformiste che hanno intrapreso strade opposte. L’unico punto in comune è essere nate nello stesso anno.
La presentazione è in programma alle 18.30 sulla pagina Facebook di Fondazione Aida. Accesso libero, gratuito, senza prenotazione.

Tina Modotti e Marie Besnard hanno avuto entrambe un’infanzia povera, ma sono state molto amate dai genitori: l’una è diventata una fotografa e un’attivista impegnata in politica e l’altra è diventata un’avvelenatrice seriale accusata di parricidio e matricidio. Oppure Hannah Arendt e Ilse Koch, entrambe tedesche: la prima è dovuta fuggire dalla Germania perché ebrea, la seconda è il volto più atroce del nazismo, la sadica aguzzina degli ebrei internati nel campo di concentramento di Buchenwald. La prima è la teorica della banalità del male, la seconda lo incarna. Quanto conta l’infanzia nella storia di una donna che diventa “grande” nel crimine, nell’arte, nell’attività politica o nella scienza? Oggi le teorie di Cesare Lombroso, il padre dell’antropologia criminale, e della fisiognomica sono ampiamente superate da un approccio interdisciplinare basato sull’interazione tra geni e ambiente.

Cinzia Tani, è giornalista e scrittrice, autrice e conduttrice radiotelevisiva. Nel 2004 è stata nominata dal presidente Ciampi cavaliere della Repubblica per meriti culturali.

Gli incontri con gli autori organizzati da Fondazione Aida su facebook proseguiranno il 14 aprile alle 18.30 con Lucio Argano e Antonio Massena in Memorabilia (Titivillus Mostre Editoria).

 

Informazioni

Fondazione Aida
045.8001471/045.595284 – fondazione@fondazioneaida.it www.fondazioneaida.it

(CSV di Verona)

Please follow and like us