Diciannovesima Giornata Nazionale perAmore, perABIO

Torna la Giornata Nazionale ABIO, l’evento più importante per ABIO da quarantacinque anni al fianco dei bambini, degli adolescenti e delle loro famiglie in ospedale.
Un anniversario importante che ABIO desidera festeggiare nelle principali piazze delle città dove svolge il suo servizio di volontariato.

Dal 1978 ABIO si prende cura dei piccoli degenti che vivono l’ospedalizzazione cercando di rendere questa esperienza meno traumatica possibile. Con un gioco, un sorriso, una presenza discreta e qualificata cercano di alleviare le lunghe giornate passate in reparto, mettendo al centro i diritti dei bambini, degli adolescenti e delle famiglie in ospedale, che hanno bisogno di attenzioni specifiche, luoghi e cure dedicate.

Sabato 30 settembre sarà possibile ascoltare l’esperienza dei volontari ABIO, farsi raccontare cosa significa svolgere il servizio in ospedale e cosa vuol dire decidere di essere, ogni giorno in tutta Italia, al fianco dei piccoli ricoverati.
Sarà inoltre possibile sostenere ABIO tramite un’offerta, ricevendo un cestino di ottime pere: il simbolo della Giornata! Le pere più buone aiutano i bambini in ospedale.
Qui è possibile cercare il posto più vicino dove incontrare ABIO.

Il ricavato verrà utilizzato dalle associazioni ABIO per organizzare nuovi corsi di formazione rivolti a chi già svolge servizio e a chi desidera diventare volontario. Solo con la formazione, infatti, è possibile garantire che il volontario si prepari, che acquisisca il metodo e gli strumenti ABIO, che agisca in modo attento ed efficace, così che ABIO possa continuare a realizzare il suo prezioso servizio in ospedale.

Scopri tutti i modi per sostenere la Diciannovesima Giornata Nazionale ABIO nel sito www.giornatanazionaleabio.org

 

PerAMORE, perABIO, grazie anche a te!

ABIO

ABIO, Associazione per il Bambino in Ospedale, ONLUS, è stata fondata nel 1978 per promuovere l’umanizzazione dell’ospedale e sdrammatizzare l’impatto del bambino e della sua famiglia con le strutture sanitarie.

 

L’obiettivo di ABIO è il diritto al sorriso.
Il sorriso di un volontario accanto ad ogni bambino in ospedale è un diritto di tutti.
L’obiettivo di ABIO è di favorire il diffondersi di gruppi in tutte le città d’Italia affinché i bambini ricoverati in ospedale possano essere aiutati dall’opera dei volontari.

ABIO Verona OdV, grazie al progetto DASH Ospedale Amico, ha iniziato la sua attività a Verona nel 2000 presso il Policlinico G. B. Rossi – Borgo Roma, proseguendo poi negli anni successivi la sua azione in altri ospedali.
Attualmente è presente nei reparti pediatrici e alcuni reparti speciali, presso:

  • Ospedale della Mamma e del Bambino di Verona
  • Ospedale Fracastoro di San Bonifacio
  • Ospedale Magalini di Villafranca

L’attività dei volontari si rivolge sia al bambino che ai suoi genitori.

Per quanto riguarda il bambino, il volontario ABIO Verona OdV:

  • lo accoglie al momento del ricovero e facilita il suo inserimento in reparto;
  • lo assiste durante le visite ambulatoriali, intrattenendolo e distraendolo durante l’attesa;
  • collabora con il personale sanitario a prepararlo alle varie procedure terapeutiche cui verrà sottoposto (iniezioni, prelievi, radiografie, interventi chirurgici);
  • rende più accoglienti i reparti con decorazioni e arredi;
  • garantisce al bambino una presenza rassicurante in assenza della mamma o di altri familiari.

Nei confronti dei genitori, invece, il volontario ABIO Verona OdV:

  • contribuisce a sdrammatizzare la malattia del bambino ascoltando i loro problemi ed offrendosi come tramite in un ambiente sconosciuto;
  • fornisce informazioni sul comportamento da tenere e le norme da rispettare all’interno del reparto, nell’interesse di tutti;
  • li informa su servizi, supporti e agevolazioni di cui possono usufruire;
  • assicura una presenza amica accanto al bambino, permettendo al genitore di assentarsi serenamente per provvedere ad eventuali incombenze.

Ogni anno l’associazione realizza:

  • servizi di volontariato presso le pediatrie degli ospedali, anche con turni speciali;
  • corsi di formazione per gli aspiranti volontari;
  • corsi di aggiornamento per i volontari in servizio;
  • fornitura di giocattoli e materiale ludico/ricreativo in tutti i reparti;
  • donazione di arredamenti per la realizzazione di sale giochi in reparto;
  • eventi esterni all’ospedale per sensibilizzare la cittadinanza e farsi conoscere, soprattutto dai bambini.

Tutto questo è reso possibile dalla quotidiana generosità di tante persone che, in questi anni, hanno lavorato con grande impegno per umanizzare l’ospedale e renderlo un luogo accogliente per il bambino ammalato e la sua famiglia.

Sito ABIO Verona ODV
Gruppo Facebook
Instagram
YouTube

(CSV di Verona)

Please follow and like us