Giovani “incontro al Redentore” | Azione cattolica e Pastorale giovanile per un pellegrinaggio tutto veneziano (venerdì 17 luglio dalle ore 20.30 alle 23.00)

Venerdì 17 luglio si va “Incontro al Redentore” con un pellegrinaggio diocesano proposto dai giovani per i giovani, ma aperto a tutti. Ospite straordinario, attraverso una video testimonianza, Sammy Basso, un giovane di 25 anni affetto dalla malattia genetica della progeria, che è allo stesso tempo impegnato in una ricerca avanzata per curare questa e altre patologie. Prende forma la proposta del settore Giovani di Azione cattolica e della Pastorale giovanile.

Un pellegrinaggio diverso dagli altri: si partirà a piccoli gruppi o singolarmente, dalla Scuola Grande di San Rocco, dalle ore 20.30 alle 21.30. I pellegrini potranno accedere agli spazi della Scuola Grande di San Rocco per una prima tappa, consistente in una video catechesi della professoressa Ester Brunet. Da qui si sposteranno verso la chiesa di Santa Maria del Rosario alle Zattere (vulgo Gesuati) dove saranno accolti da dei volontari coordinati da Anna Bernante che illlustreranno alcune opere d’arte sacra del ciclo icongrafico. Sempre nella stessa chiesa vi sarà la possibilità di ascoltare la testimonianza di Sammy Basso e vi saranno dei sacerdoti disponibili per il sacramento della riconciliazione. Alle ore 22.00 anche la chiesa dei Gesuati chiuderà.

I pellegrini sono invitati a giungere presso l’isola della Giudecca attraversando il canale con i mezzi per completare il pellegrinaggio presso la chiesa del Redentore dove il gruppo degli evangelizzatori di Venezia sta organizzando una veglia eucaristica che completerà il percorso. Le limitazioni delle fascie orarie sono appunto finalizzate a orientare nel percorso i pellegrini, che procederanno in questo modo andando nella direttrice piazzale Roma-Giudecca. Chiudere entro una determinata ora le tappe di San Rocco e dei Gesuati consentirà anche ai volontari di
confluire al Redentore partecipando attivamente al momento di preghiera.

Andare verso il Redentore, incontro alla festa, ma anche incontro al Signore, affidando questo tempo, con tutte le sue prove e le sue incertezze. Redenzione, redimere e salvare sono concetti non sempre di facile comprensione e trasmissione, soprattutto con i giovani. Uno degli obiettivi del pellegrinaggio è appunto soffermarsi sul tema della salvezza, tanto spirituale che del corpo, riscoprendo le ragioni e la natura prettamente cristiana di questa celebrazione tradizionale.

(articolo di Marco Zane – tratto da Gente Veneta n. 24/2020)

(Diocesi di Venezia)

Please follow and like us