Suoni d’estate: la Oto debutta con gli archi al giardino dell’Olimpico

Prosegue al giardino del Teatro Olimpico la rassegna Suoni d’Estate curata da Società del Quartetto e OTO nell’ambito dell’ampio cartellone di eventi dal titolo Viaggio in Città coordinato dall’assessorato alla cultura del Comune di Vicenza.

Giovedì 16 luglio alle 21 la OTO torna ad esibirsi dal vivo, dopo vari mesi di forzata inattività, con una formazione d’archi composta da Filippo Lama e Martina De Luca (violini), Emanuele Ruggero (viola) e Benedetta Baravelli al violoncello.

Il programma della serata mette a confronto due autori – Ludwig van Beethoven e Aleksandr Borodin – che appartengono a due epoche, ma soprattutto a due diversi mondi musicali: quello occidentale e quello dell’Est.

Di Beethoven verrà eseguito il terzo e ultimo Trio dall’Opus 9 – quello in Do minore – composto fra il 1797 e il 1798 a conclusione di un giovanile percorso di perfezionamento nella scrittura cameristica che dal 1799 porterà l’autore di Bonn alla stesura dei quartetti per archi.

Sei anni dopo la morte di Beethoven nasceva a Pietroburgo Aleksandr Borodin, personaggio assai eclettico che si divise fra la passione per la musica (aderì alla corrente nazionale russa) e l’incarico di docente di chimica all’Accademia militare. Si spiega anche così il fatto che la sua produzione fu tutt’altro che vasta e che nonostante 17 anni di travaglio non riuscì a portare a termine il suo capolavoro – l’opera Il Principe Igor – ultimato da Rimskij-Korsakov dopo la sua morte. Ciò non significa che Borodin sia un autore di secondo piano: le tre sinfonie, il poema sinfonico “Nelle steppe dell’Asia centrale”, le liriche per canto e pianoforte e buona parte della produzione cameristica sono lavori del tutto degni di nota. Il Quartetto n. 2 in Re maggiore proposto dagli archi della OTO appartiene all’elenco delle più meritevoli composizioni di Borodin principalmente per la freschezza di espressione e per gli impasti melodici tipici dell’atmosfera russa.

Sessantenne, da oltre trent’anni Filippo Lama collabora con importanti orchestre italiane – particolarmente con l’Orchestra da Camera di Mantova – sia come violino di spalla che come solista e affianca all’attività concertistica quella di docente presso il Conservatorio “Marenzio” di Brescia. Dalla stagione 2015/16 occupa il ruolo di tutor per la sezione dei violini della OTO, orchestra con la quale si è esibito in decine di concerti.

Il concerto di giovedì inizia alle 21. È consigliabile acquistare biglietti in prevendita (10 Euro l’intero, 8 Euro il ridotto riservato agli abbonati alle stagioni musicali di Società del Quartetto e OTO) presso la sede della OTO in Vicolo Cieco Retrone 24 o online sul circuito Vivaticket. Info 0444 326598 e segreteria@orchestraolimpico.it

In caso di maltempo il concerto si terrà allo stesso orario presso il Tempio di Santa Corona.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

(Comune di Vicenza)

Please follow and like us