Prevenzione incendi, conclusi i lavori al centro di riabilitazione La nostra famiglia

Sono terminati i lavori di adeguamento alle norme di prevenzione incendi al centro di riabilitazione La nostra famiglia di via Coltura del Tesina.

Al sopralluogo a conclusione dell’intervento questa mattina erano presenti il vicesindaco con delega ai servizi sociali Matteo Tosetto, l’assessore ai lavori pubblici Matteo Celebron e il direttore amministrativo del centro La nostra famiglia Andrea Devido.

Una risposta significativa, in tempi veloci, per un servizio importante per quasi 800 famiglie del vicentino che frequentano questa struttura – ha dichiarato il vicesindaco con delega ai servizi sociali Matteo Tosetto –. A settembre dello scorso anno ci siamo trovati davanti a una sfida che sembrava impossibile: è un edificio molto grande risalente agli anni ’70 che presentava molte criticità edilizie e che rischiava di chiudere. Grazie agli interventi eseguiti siamo riusciti a mettere a norma una struttura che negli anni è diventata un punto di riferimento fondamentale per le famiglie con persone con disabilità. L’impegno futuro è intervenire al centro La fraglia così da dare un’ulteriore risposta al mondo della disabilità”.

Erano varie le criticità presenti nell’edificio che rischiavano di pregiudicare l’accreditamento regionale di una struttura fondamentale per la città – ha spiegato l’assessore con delega ai lavori pubblici Matteo Celebron –. Con un investimento di 120 mila euro abbiamo eseguito rapidamente i lavori di messa a norma del sistema antincendio necessari affinchè la struttura continuasse ad erogare i propri servizi. Il nostro grazie va all’associazione che gestisce il centro, ai tecnici del servizio lavori pubblici e soprattutto alla ditta che in pieno periodo di emergenza Covid-19 ha rispettato pienamente i termini che ci erano stati dati da Azienda Zero per riconfermare l’accreditamento”.

Il progetto, finanziato con mutuo della Cassa depositi e prestiti, ha riguardato l’adeguamento della porzione di edificio adibita a struttura sanitaria extra ospedaliera che eroga alle persone con disabilità prestazioni di assistenza specialistica in regime ambulatoriale, comprese quelle riabilitative, di diagnostica strumentale e di laboratorio.

L’edificio si sviluppa su un unico piano di 2500 metri quadrati circa.

L’intervento di adeguamento alle norme antincendio ha previsto la rimozione e sostituzione di pavimenti, serramenti e controsoffitti, l’installazione dell’illuminazione di sicurezza, dell’allarme incendio, del sistema di rivelazione di fumo, incendio e gas metano e dell’impianto di allarme Evac (evacuazione sonora).

I lavori sono stati eseguiti dalla ditta GBS Global Security di Brendola che si è aggiudicata l’appalto con un ribasso del 2,5%, offrendo un prezzo di 116.485 euro più 1.700 euro per oneri della sicurezza sui 150.000 euro posti a base d’asta.

Ad oggi è stata presentata al Comando dei Vigili del fuoco la segnalazione certificata di inizio attività e recentemente è stato rilasciato il certificato di agibilità della struttura.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

(Comune di Vicenza)

Please follow and like us