Seconda commissione – “Proseguito l’esame della PDA n. 114 ‘Nuovo Piano Regionale dei Trasporti’

Seconda commissione – “Proseguito l’esame della PDA n. 114 ‘Nuovo Piano Regionale dei Trasporti’

(Arv) Venezia, 5 mar. 2020 – Nella seduta odierna, la Seconda commissione consiliare permanente, presieduta da Francesco Calzavara (ZP), con Vicepresidente Andrea Zanoni (PD), alla presenza dell’Assessore Regionale ai Trasporti, Elisa De Berti, ha proseguito l’esame della PDA n. 114 “Nuovo Piano Regionale dei Trasporti”.

“Vogliamo adottare un metodo condiviso per affrontare la discussione in aula – ha spiegato il presidente – partendo dagli obiettivi, analizzando quindi le strategie, per poi prendere in esame le diverse azioni conseguenti”.

Sono stati votati a maggioranza, l’Obiettivo n. 1 “Connettere il Veneto ai mercati nazionali e internazionali, per la crescita sostenibile dell’economia regionale”, e l’Obiettivo n. 3 “Promuovere la mobilità per il consolidamento e lo sviluppo del turismo in Veneto”.

La pianificazione regionale è infatti suddivisa in obiettivi e strategie, i quali si articolano poi in 37 azioni. Queste ultime contengono al loro interno diverse proposte di intervento, articolate in: Invarianti, Project Review e Fabbisogni.

E’ stato espresso a maggioranza il Parere di competenza alla Giunta n. 505 in merito al “Piano di vendita di alloggi di edilizia residenziale pubblica (ERP) del Comune di Occhiobello (RO)”. Si tratta di 115 alloggi, di cui solo 2 sfitti, non situati in zone di particolare pregio. Sono immobili vetusti che necessitano quindi di interventi di manutenzione e restauro. Questi interventi verranno finanziati dall’alienazione dei beni immobili, con una stima complessiva dell’importo da introitare dalla vendita che si attesta in oltre 3 milioni di euro.

E’ stato illustrato il Progetto di Legge n. 491, “Modifiche e integrazioni alla L.R. 30 dicembre 1993, n. 63, ‘Norme per l’esercizio delle funzioni amministrative in materia di servizi di trasporto non di linea nelle acque di navigazione interna e per il servizio pubblico di gondola nella città di Venezia’”, di iniziativa del presidente Calzavara.

La proposta normativa modifica la disposizione del comma 7, dell’articolo 4, della L.R. 30 dicembre 1993, n. 63, che prevede l’inderogabile decadenza della licenza di taxi acqueo al compimento del 67° anno dì età del licenziatario, con l’obbligo, dal compimento del 60° anno, di verifica annuale della permanenza dei requisiti di idoneità fisica. Questo, per una disparità di trattamento rispetto al servizio di taxi terrestre, disciplinato dalla L.R.  30 luglio 1996, n. 22, e al servizio di noleggio con conducente con natante a motore; tali servizi non prevedono infatti alcun limite di età prefissato, ma subordinano il rinnovo della licenza alla sola sussistenza dei requisiti di idoneità fisica, che verranno quindi sempre controllati.

Via libera a maggioranza, senza voti contrari, al Progetto di Legge n. 485 della Giunta “Modifiche alla L.R. 6 giugno 2019, n. 21, ‘Iniziative a sostegno della candidatura UNESCO delle colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene’”.

Per l’esame dell’aula consiliare, è stato eletto Relatore Silvia Rizzotto (ZP), Correlatore Manuel Brusco (M5S).

La finalità della norma proposta è di carattere conservativo, per evitare che, nelle more dell’adeguamento da parte dei comuni, siano realizzati interventi che alterino profondamente la situazione dei territori; non si vuole pregiudicare la tutela e la conservazione degli elementi significativi e rilevanti del sito, garantiti dal Disciplinare.

/464

(Consiglio Veneto)

Please follow and like us